Stampa

Il Piano - Il futuro

La Storia politica della Valuta in Moneta d'Oro - domande e risposte il 1 Agosto, 2015

immaginiamo che sia il 1 agosto 2015 e ci troviamo nel giardino della fondazione per la valuta di moneta d'oro. Il breve discorso del manager della fondazione è terminato, gli ospiti della cerimonia, un colorato mix di politica, economia e società, si avvicinano al buffet e alla griglia.

I membri del comitato originale dell'associazione Gold franc si incontrano allo stesso tavolo, si abbandonano ai ricordi e rispondono con piacere alle domande del pubblico.

I membri dell'associazione Gold franc e le loro motivazioni.

Quali erano le vostre motivazioni iniziali e quali sono i vostri vantaggi adesso?

Thomas3Thomas Jacob, Presidene
Economia all'Università di Zurigo, ex Swissair pilota, consulenza finanziaria, nonpartisan
Le mie motivazioni erano e rimangono i miei interessi per un'idea che probabilmente poteva essere realizzata solo in Svizzera. Incidentalmente, non ho mai avuto una relazione speciale con l'oro eccetto che in forma di gioielleria. Continuo a guidare l'associazione e le consiglio varie istituzioni e imprese in relazione con la moneta moneta d'oro. (Foto di Nicolas Y. Aebi)

Dr. Christoph Luchsinger, Vicepresidente
Imprenditore, professore di matematica presso l'Università di Zurigo e Basilea, FDP

All'inizio ero scettico. Oro -non era forse stato etichettato da Keynes come "reliquia barbarica"? Più approfondivo la ricerca, più mi convincevo prima dei benefici pratici per l'economia e poi dei benefici per il proverbiale "uomo qualunque". Molto importante per me è rafforzare i diritti di proprietà degli Svizzeri - un obiettivo centrale del mio partito, l'FDP. Sono ancora un membro del comitato dell'associazione e un consulente per la fondazione.
Luchsinger3

Dr. Karl Zweifel, Vicepresidente
Chirurgo, SVP
Ho studiato l'oro e il denaro per anni, nella tradizione del classico saggio di Alain Greenspan "Gold and Economic Freedom". La moneta d'oro rappresenta l'adozione pacifica, volontaria della valuta aurea, un'idea che mi ha immediatamente ispirato. Sono ancora uno dei membri del comitato dell'associazione.
 Zweifel3

Marc Von Rohr, Vicepresidente
Imprenditore, FDP
Come imprenditore finanziario ero sempre più preoccupato dalla situazione del sistema monetario. L'idea di una valuta aggiuntiva richiedeva che ci si facesse l'abitudine, ma mi aveva convinto piuttosto velocemente e permanentemente. Anch'io sono ancora un membro del comitato e un consigliere della Fondazione.
 Marc3

Dr. Paolo Pamini, Economista
Consulente Business, FDP
Quando iniziai a ponderare l'idea, divenne presto evidente che era più o meno quello che stavo cercando. La moneta d'oro è basata su un'azione volontaria, donerà benefici a tutti coloro che la adoteranno, e non ci sono obbligazioni o coercizioni. Mi sono ritirato dal Comitato a causa del carico di lavoro.
 Paolo3

Dr. Olivier Ledoit, Economista
Ricercatrore Università di Zurigo, nonpartisan
Ho insegnato alla UCLA dei modelli matematici e poi li ho utilizzati nella pratica per anni, come trader finanziario a Londra. Ma più cose apprendevo, più mi preoccupavo. L'idea di una valuta aggiuntiva era affascinante, ma avevo anche bisogno di un pò di tempo per trovare risposta alle mie domande e per immergermi completamente in quell'ordine di idee. Sono ancora il responsabile per la coordinazione scientifica nell'associazione. (Foto di TiPress/F. Agost)
 Ledoit3

Maurizio Galli, IT Manager
IT, nonpartisan
Il mio background è nell'IT. Sono cresciuto insieme al progetto, ideologicamente così come a livello di IT. Sono ancora reponsabile dell'IT.
 Maurizio3

Renata Jacob, Tesoriere
Consulente Finanziario, nonpartisan
Il mio background e la mia funzione all'interno dell'associazione è la finanza. Aiuto la fondazione per la moneta d'Oro sotto questo aspetto.

 Renata3

L'iniziativa popolare

Perchè avete lanciato un'iniziativa popolare?

T. Jacob:
Nel Marzo 2011 un parlamentare raccolse l'idea di una valuta in moneta d'Oro e la propose in parlamento come iniziativa parlamentare. L'iniziativa venne bocciata ai voti dalla commissione responsabile nel Maggio 2012, un risultato prevedibile considerando i partiti politici. Tra queste due date abbiamo fondato la Gold franc association (associazione Oro Franco), perfezionato la proposta e acquistato esperienza con media e politica. Dopo il voto della commissione, la missione era chiara: era necessaria un'iniziativa popolare per guadagnare il controllo del processo politico.

M. Galli:
Assieme all'iniziativa abbiamo cambiato il nome del progetto da "Gold franc" (oro Franco) a "Gold coin currency" (valuta in moneta d'Oro). Questo sfortunatamente si è rivelato necessario perchè il più attraente nome Goldfranc portava costantemente confusione riguardo alla sua relazione con il Franco cartaceo e con la vecchia moneta d'oro Svizzera.

Il vostro successo è stato sicuramente aiutato dallo sviluppo economico in Svizzera e all'estero. Quanto è stato importante?

Ch. Luchsinger:
Anch'io ero meno interessato alle questioni monetarie negli anni '90 che dall'inizio della crisi finanziaria, e non siamo gli unici ad aver offerto nuove idee. A questo proposito, una predisposizione a confrontarsi con i problemi monetari è stata certamente incrementata dalla crisi finanziaria. Avrebbe potuto una valuta in moneta d'oro attirare l'attenzione in qualsiasi altra circostanza?...

T. Jacob:
Una domanda al contempo interessante ed accademica. La domanda oggi è totalmente diversa. Le monete d'oro dovrebbero dare alla gente una scelta per quanto riguarda le questioni finanziarie, dovrebbero complementare il Franco cartaceo ed in questo senso  completare e stabilizzare il sistema monetario. Mi azzardo a dire che abbiamo abbastanza esperienza per dichiarare che questa combinazione funziona, che le persone che utilizzano la cartamoneta per l'uso quotidiano e le monete d'oro come mezzo liquido di deposito non sono più disposte a rinunciare a questa scelta.

Ritengo personalmente che l'aspetto più importante per il supporto pubblico sia l'effetto stabilizzante della valuta in moneta d'oro sul Franco Svizzero ed il fatto che questo aiuti la Banca Nazionale. Dopotutto, questo argomento in seguito convinse una grossa parte di business e unioni monetarie.

P. Pamini:
Non ne sono sicuro, dopotutto, l'impatto numerico del Franco d'oro sul Franco Svizzero è tuttora controverso.
Per me, i problemi dei fondi pensionistici sono stati più decisivi. Si iniziò a discuterne con più urgenza a partire dalla fine del 2012 in poi. Interessi zero sulle securities combinati con la minaccia di un aumento dell'inflazione, importato dall'eurozona, iniziarono a far preoccupare la gente. E' impressionante quanti pensionati avessero già deciso di ritirare parte della propria pensione in monete d'oro. Nel frattempo, il settore assicurativo declamava tassi di crescita quasi inquietanti per le polizze sulla vita che garantivano una parte del pagamento in monete d'oro.

O. Ledoit:
Questi sono tutti argomenti che convinsero l'elettorato. A tal proposito, l'attenzione internazionale non deve essere sottovalutata. Penso che l'interesse all'estero per la valuta in moneta d'Oro abbia sorpreso molti Svizzeri e li abbia sensibilizzati sull'argomento. I votanti potevano e volevano diventare parte di questo progetto storico.

Come venne formato il comitato per l'iniziativa?

K. Zweifel:
Avevamo il piano prefissato di vincere rappresentative importanti in tutti i principali partiti e gruppi d'interesse. Il fatto di poter mostrare a tutti i partiti dei chiari benefici ci ha aiutato molto

Come vi finanziavate allora?

R Jacob.:
Durante il primo anno i membri del Comitato pagarono tutti i costi e le spese, stavamo pescando pesci piccoli. Assieme ai membri dell'associazione arrivò un flusso di denaro regolare e verso la fine del 2012 eravamo in grado di attirare sponsor per progetti ed eventi. Il costro dell'iniziativa veniva finanziato a rate. Alcuni sponsor contribuivano a parecchi pagamenti lungo un grosso periodo di tempo.

K. Zweifel:
La fondazione per la valuta in moneta d'Oro presto prese il posto dell'amministrazione dell'associazione, il che aiutò molto.

E per quanto riguarda il grosso sponsor?

O. Ledoit:
Abbiamo sempre avuto in mente la possibilità di uno sponsor su grossa scala e forse alcune preghiere segrete sono state esaudite.
Lo sponsor volle stare in disparte fino alla fine della votazione, oggi il suo nome è parte della storia. Lo sponsor stesso ha ripetutamente affermato che la moneta d'oro è stata l'investimento più importante e redditizio della sua vita.

T. Jacob
Il suo contributo è stato di enorme importanza per la velocità d'implementazione del progetto. Con il suo aiuto siamo stati in grado di preparare il "dopo" anche durante la campagna elettorale.
 
Con la giusta pubblicità le cose improvvisamente decollarono come un razzo

M. von Rohr:
Questo ci prese per l'appunto di sorpresa. Fortunatamente, nel mezzo del 2012, le argomentazioni erano complete e sofisticate, quasi tutte le informazioni più importanti erano disponibili sul sito Web, con contributi da tutti i principali canali mediatici e la credibilità di esperti scientifici come i  Prof. Geiger, Janssen e Bernholz.

R. Jacob:
Ho avuto l'onore di essere parte del report ad opera della tv nazionale svizzera. Ero sorpreso del profondo interesse e dalla conoscenza dei protagonisti. Come non dubito sappiate, lo show è stato l'inizio di un'attenzione mediatica sempre crescente.

Vi aspettavate un così chiaro verdetto al voto?

P. Pamini:
Come osservatore della parte italiana della Svizzera non avevo ragione di dubitare che avremmo vinto. Ma mi pare di sentire ancora gli appelli dal comitato per mostrare un pieno impegno fino al giorno del voto.

Gli inizi

Torniamo agli inizi. La Gold franc association è stata fondata nel luglio del 2011. Chi di voi avrebbe pensato che la valuta in moneta d'oro sarebbe stata una realtà nel giro di pochi anni?

P. Pamini:
Sicuramente nessuno aveva delle tempistiche chiare in mente. Le nostre priorità cambiavano di pari passo alle tante nuove esperienze.

K. Zweifel:
Come parlamentare a livello cantonale, so che la politica è imprevedibile. Ma anche in politica alla fine sta sempre agli individui fare la differenza e ci saranno sempre delle sorprese.

T. Jacob:
Olivier Ledoit diceva che tali progetti qualche volta hanno bisogno di tempo per maturare. Ma volevamo dare al destino una possibilità di sorprenderci. Abbiamo trovato un motto diverso per il processo politico...

...si, lo sappiamo, lo abbiamo sentito abbastanza spesso negli ultimi anni: "Talvolta in un momento accadono cose che non si aspettavano in un anno" o qualcosa del genere. Ci potete dare qualche esmpio?

Ch. Luchsinger:
La prima conferenza pubblica sul Goldfranc  era un seminario di lancio dell'FDP a Zurigo nell'Aprile 2011. Un ospite importante, il professore di Basilea Peter Bernholz, si prese il disturbo di venire da Basilea per l'occasione. Il  Professor Bernholz è un esperto internazionale rispettato sulle questioni monetarie e ha spesso lavorato assieme alla Banca Nazionale Svizzera. Dopo La conferenza espresse il suo supporto per la causa e scrisse un lungo articolo sul quotidiano svizzero maggiormente rispettato. Tale supporto non poteva essere pianificato ed è stato al tempo stesso inestimabile per il riconoscimento scientifico e politico.

P. Pamini:
Un altro esempio della pubblicità. Nel giugno 2011, apparve un articolo sul Wall Street Journal online e per un po' siamo stati più conosciuti a livello internazionale della Svizzera. La rivista Forbes scrisse del progetto e venimmo anche menzionati sulla CNBC e Olivier Ledoit viaggiò come rappresentante del Gold franc verso la conferenza sull'argomento nello Utah ecc.

Ch. Luchsinger:
Un contro esempio è stata la reazione di alcuni politici. Da alcuni di loro mi aspettavo molta più apertura. I partiti politici sono stati un'esperienza che mi ha fatto aprire gli occhi.

Per concludere, torniamo sui primi passi: da dove ha avuto origine l'idea?

T. Jacob:
L'idea è nata nel marzo 1010, in una forma leggermente diversa. Stavo dando un'occhiata a tutti tipi di attività politiche trasversalmente a tutte le linee di partito quando incappai nel movimento "valuta sicura" di tre parlamentari del SVP. Il problema principale era stabilizzare e rafforzare il sistema monetario esistente impedendo la vendita delle rimanenti riserve auree della Banca Nazionale Svizzera. L'idea della valuta in moneta d'oro riguardava anch'essa oro e denaro e allo stesso tempo qualcosa di completamente differente. Era una valuta nuova, aggiuntiva che non aveva niente a che fare né con le riserve d'oro della Banca Nazionale né con il sistema monetario esistente. Ciò nonostante il parlamentare Dr. Ulrich Schlüer raccolse l'idea e la propose in Parlamento sotto forma di iniziativa parlamentare. Allo stesso tempo mi disse che per lui proteggere le rimanenti riserve d'oro della Banca Nazionale era una priorità. Questo ci diede la possibilità di fondare un'associazione nonpartisan per l'iniziativa riguardante il denaro Zecchino e di presentarla in qualità di progetto nonpartisan come realmente era.

Grazie per l'interessante intervista.
btn donate LG-3   Aiutarci. Clicca qui per fare una donazione.

Semplice

L'acquisto e la vendita di oro diventa più facile ed economico

Pratico

Piccoli tagli rendono le monete d'oro utili per l'uso quotidiano

Sicuro

La Moneta d'Oro Svizzera è protetta dalla Costituzione svizzera

Conclusione

Il momento giusto è ora.. la nuova aggiuntiva Moneta d'Oro Svizzera renderá la Svizzera piú prosperosa